fbpx


WisdomTree Tactical Update – 15.07.2021

WTI CRUDE OIL TVC:USOIL

Peter_Braganti



La Fed continua a considerare transitoria l’attuale alta inflazione.
I rendimenti dei governativi Usa ancora in calo: non credono alla reflation.
Dati macro cinesi confermano una solida crescita nel 2’ trimestre.
Borse europee negative, fiutano nuove restrizioni per varianti Covid.

Ieri, 14 luglio, l’audizione semestrale al Congresso del Presidente della FED (Banca Centrale Usa) Jerome Powell era particolarmente attesa, specie all’indomani della pubblicazione dei dati di inflazione di giugno, salita a +5,4% anno su anno, con una variazione mensile di +0,9%, la crescita più forte dal 2008.
Analisti e investitori si sforzano di immaginare le future mosse della FED, sia sui tassi di riferimento, che potrebbero salire, che sulla riduzione graduale (cd “tapering”) dei sui acquisti mensili.
Sempre ieri, la dinamica dei prezzi alla produzione (PPI, Production Prices Index) confermava la tendenza al rialzo dei mesi scorsi, superando le attese del mercato nel dato mensile, +1,0% contro +0,6%, ed in quello annuale, +7,3% verso +6,8%.
Powell ha nuovamente sostenuto che l’alta inflazione è temporanea, ma ha anche annunciato che la FED e’ pronta ad agire se l’aumento dei prezzi persistesse a lungo al di sopra dell’obiettivo del 2%. In generale, ha di nuovo implicitamente escluso il ricorso al “tapering” in tempi brevi.
La FED riconosce che l’economia sta vivendo una fase di forte crescita, ma l’occupazione e’ ancora lontana dai livelli pre-Covid, e resta il principale obbiettivo della Banca Centrale in questa fase post-pandemica.
Prosegue la pubblicazione delle relazioni trimestrali, con le banche in evidenza: ieri, 14 luglio, e’ stata la volta di Bank of America, che pur pubblicando numeri brillanti, ha visto l’azione “punita” dagli investitori: i numeri di Wells Fargo sono stati invece premiati dal mercato con un +4%.
A fine giornata, indici poco variati a Wall Street: Nasdaq -0,22%, S&P500 +0,12%, Dow Jones +0,13%. Buona giornata per i colossi “tech”, tra cui spicca oogle con +0,8%, ed Apple con +2,4% di Apple: rovinosa caduta dei titoli energetici che, con calo vicino al 3%, hanno evidentemente risentito dello scivolone del prezzo del petrolio.
Il prezzo del WTI (West Texas Intermediate) ha perso ieri, 14 luglio, sul finale della seduta, il 3% a 72,9 Dollari/barile, dopo che il report sulle scorte settimanali Usa ha rivelato numeri inaspettatamente superiori delle attese.
La pervicace retorica della FED sulla transitorieta’ del fenomeno inflattivo ha avuto il suo effetto sui rendimento dei Treasuries, con quello del 10 anni che stamane, 15 luglio, e’ sceso a 1,32%, in ribasso di 3 bps sulla chiusura gia’ debole di ieri.
L’impatto sul Dollaro e’ stato invece contenuto, e l’iniziale indebolimento ha avuto vita breve. Stamattina lo troviamo nuovamente attorno a 1,182 contro Euro (ore 12.45 CET ), vicino ai massimi degli ultimi 3 mesi.
Il clima di incertezza sul fronte economico e sulla possibile evoluzione della politica monetaria sembra riportare interesse sui metalli preziosi, con l’oro tornato sopra 1.830 Dollari/oncia (ore 11.30 CET ).
Stamane, 15 luglio, ci siamo svegliati inondati di importanti dati macro cinesi che rassicurano chi recentemente aveva notato qualche indebolimento della crescita del colosso asiatico.
Il GDP (prodotto interno lordo) del 2’ trimestre 2021 fa segnare +7,9% sullo stesso periodo 2020, e +5,5% sul 2019, dato significativo poiche’ in accelerazione sul +5% misurato sul 1’ trimestre. Su base congiunturale, fa segnare +1,3% rispetto al 1’ trimestre dell’anno.
Corrono meglio delle attese i consumi privati di giugno, +12,1%, ed anche il dato della produzione industriale in giugno, +8,3%, e’ da considerarsi soddisfacente.
L’indice CSI 300 di Shanghai+Shenzen ha chiuso la seduta odierna con un + 0,4%: ha fatto meglio l’indice Hang Seng di Hong Kong dell’1,3%.
Il Nikkei giapponese e’ sceso pesantemente, -1,15%, per i timori di una nuova ondata di contagi che ha gia’ richiesto, proprio alla viglia dei giochi olimpici, l’introduzione di nuovo stato di emergenza, iniziato lunedì 12 e che durerà fino al 22 agosto. Il Kospi coreano e’ invece salito del +0,66% ed il Sensex indiano +0,63%.
Pessima, oltre le aspettative, la mattinata delle Borse europee, in media in calo dell’1,1% (ore 13.30 CET ), con azioni dell’energia e delle banche a fare da zavorra. La prospettiva di un accordo in seno all’Opec+ (Organizzazione dei 13 maggiori Paesi esportatori di petrolio + partners), comporta una prospettiva di aumento della produzione di petrolio, e sta alimentando un’ulteriore debolezza del prezzi: WTI a 71,9 Dollari/barile, -1,5% (ore 13.30 CET ).
Nel pomeriggio di oggi, 15 luglio, saranno diffusi importanti dati macro USA, tra i quali le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, i prezzi all’importazione e la produzione industriale di giugno, oltre al Filadelfia Fed index di luglio.

Informazioni importanti
Comunicazioni emesse all’interno dello Spazio economico europeo (“SEE”): Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree Ireland Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Central Bank of Ireland.
Comunicazioni emesse in giurisdizioni non appartenenti al SEE: Il presente documento è stato emesso e approvato da WisdomTree UK Limited, società autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito.
Per fare riferimento a WisdomTree Ireland Limited e a WisdomTree UK Limited si utilizza per entrambe la denominazione “WisdomTree” (come applicabile). La nostra politica sui conflitti d’interesse e il nostro inventario sono disponibili su richiesta.
Solo per clienti professionali. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite a titolo meramente informativo e non costituiscono né un’offerta di vendita né una sollecitazione di un’offerta di acquisto di titoli o azioni. Il presente documento non deve essere utilizzato come base per una qualsiasi decisione d’investimento. Gli investimenti possono aumentare o diminuire di valore e si può perdere una parte o la totalità dell’importo investito. Le performance passate non sono necessariamente indicative di performance future. Qualsiasi decisione d’investimento deve essere basata sulle informazioni contenute nel Prospetto informativo di riferimento e deve essere presa dopo aver richiesto il parere di un consulente d’investimento, fiscale e legale indipendente.
Il presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, una pubblicità o qualsiasi altro strumento di promozione di un’offerta pubblica di azioni o titoli negli Stati Uniti o in qualsiasi provincia o territorio degli Stati Uniti . Né il presente documento né alcuna copia dello stesso devono essere acquisiti, trasmessi o distribuiti (direttamente o indirettamente) negli Stati Uniti .
Il presente documento può contenere commenti indipendenti sul mercato redatti da WisdomTree sulla base delle informazioni disponibili al pubblico. Benché WisdomTree si adoperi per garantire l’esattezza del contenuto del presente documento, WisdomTree non garantisce né assicura la sua esattezza o correttezza. Qualsiasi terzo fornitore di dati di cui ci si avvalga per reperire le informazioni contenute nel presente documento non rilascia alcuna garanzia o dichiarazione di sorta in relazione ai suddetti dati. Laddove WisdomTree abbia espresso dei pareri relativamente al prodotto o all’attività di mercato, si ricorda che tali pareri possono cambiare. Né WisdomTree, né alcuna consociata, né alcuno dei rispettivi funzionari, amministratori, partner o dipendenti, accetta alcuna responsabilità per qualsiasi perdita, diretta o indiretta, derivante dall’utilizzo del presente documento o del suo contenuto.
Il presente documento può contenere dichiarazioni previsionali, comprese dichiarazioni riguardanti le attuali aspettative o convinzioni in relazione alla performance di determinate classi di attività e/o settori. Le dichiarazioni previsionali sono soggette a determinati rischi, incertezze e ipotesi. Non vi è alcuna garanzia che tali dichiarazioni siano esatte, e i risultati effettivi possano discostarsi significativamente da quelli previsti in dette dichiarazioni. WisdomTree raccomanda vivamente di non fare indebito affidamento sulle summenzionate dichiarazioni previsionali.
I rendimenti storici ricompresi nel presente documento potrebbero essere basati sul back test, ossia la procedura di valutazione di una strategia d’investimento, che viene applicata ai dati storici per simulare quali sarebbero stati i rendimenti di tale strategia. Tuttavia, i rendimenti basati sul back test sono puramente ipotetici e vengono forniti nel presente documento a soli fini informativi. I dati basati sul back test non rappresentano rendimenti effettivi e non devono intendersi come un’indicazione di rendimenti effettivi o futuri.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: