fbpx


MILANO – La Borsa approva il piano di Unicredit firmato dal ceo Andrea Orcel, o almeno questo emerge dalla reazione del titolo che in una mattinata incolore parte al rialzo (segui in diretta) dopo l’annuncio degli obiettivi della banca di Piazza Gae Aulenti che l’ha spinto fino in asta di volatilità

Il documento prevede “una remunerazione degli azionisti di almeno 16 miliardi totali per il periodo 2021-2024, con distribuzione annuale in linea con la generazione organica di capitale per ogni rispettivo esercizio di riferimento”. Quanto agli utili, la banca prevede di arrivare alla fine del piano strategico, nel 2024, con un utile di 4,5 miliardi di euro, rispetto ai 3,3 miliardi attesi per quest’anno, e di aumentare i ricavi netti dagli oltre 16 miliardi di fine 2021 ad oltre 17 miliardi mantenendo un Cet1 (un indice della solidità patrimoniale) di almeno il 12,5-13%. Il rapporto costi-ricavi si abbasserà dal 56 al 50% mentre l’incidenza delle commissioni sul totale dei ricavi salirà dal 38 al 40% con un ritorno sul capitale tangibile in crescita dal 7 al 10%.

Quanto alle linee strategiche, la digitalizzazione è al centro della strategia di Unicredit e l’obiettivo principale è diventare una vera banca digitale. Il gruppo finanzierà “questa trasformazione con un aumento della spesa complessiva, 2,8 miliardi totali nel periodo 2022-2024, con chiare priorità strategiche. In programma ci sono  2.100 assunzioni nette nel Digital & Data, per un totale di 3.600 nuove assunzioni nette, incluse le 1.500 nel business”.

“Questo piano non si limita al breve termine, ma ci prepara anche al successo e alla stabilità nel lungo periodo, oltre il 2024”, ha detto l’ad Orcel. “Sono felice di presentare il nostro nuovo piano, UniCredit Unlocked – ha detto – che fissa gli imperativi strategici e gli obiettivi finanziari del nostro percorso verso una nuova stagione di crescita e creazione di valore. La nostra rete pan-europea di 13 banche leader e la pluralità di talenti interni al Gruppo saranno unite da una comune ragion d’essere: dare alle nostre comunità le leve per il progresso. Stiamo investendo nel settore del digitale e dei dati e nel nostro business, riportando i clienti al centro, definendo un nuovo modo di lavorare per i nostri dipendenti e perseguendo un modello a basso assorbimento di capitale con la sostenibilità integrata a tutti i livelli. Con questa strategia otterremo rendimenti significativamente più elevati e in progressiva crescita per i nostri azionisti, facendo crescere il nostro business e mantenendo una solida posizione di capitale. Questo piano non si limita al breve termine, ma ci prepara anche al successo e alla stabilità nel lungo periodo, oltre il 2024. Sono orgoglioso di guidare UniCredit attraverso la prossima fase di crescita e creazione di valore per tutti i nostri stakeholder e so che vinceremo, nel modo giusto, insieme”.

Quanto alla possibilità di fusioni e acquisizioni, dopo che è tramontata l’operazione con Mps, Orcel ha detto nella conferenza dedicata ai giornalisti: “Non escludo e non pianifico M&A”. Le operazioni straordinarie, ha specificato, si possono valutare se rispondono alla strategia della banca e i “criteri sono l’idoneità strategica, aiutarci nel Rote, negli obiettivi di distribuzione e rafforzare il business”.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: