fbpx


Wall Street è uscita da una settimana sulle montagne russe tra una serie di preoccupazioni dalla crisi del debito del gigante immobiliare cinese Evergrande, al segnale della Federal Reserve sul rollback dello stimolo monetario e alla repressione di Pechino sulle criptovalute. Tuttavia, i principali banchmark di riferimento sono riusciti a cancellare le forti perdite di inzio settimana e ottenere piccoli guadagni.

Il ha chiuso la settimana in rialzo dello 0,6%, interrompendo una serie di ribassi di tre settimane. L’ è salito dello 0,5% durante la settimana, mentre il , ha guadagnato lo 0,02% la scorsa settimana.

“I mercati azionari continuano a riflettere un dura battaglia tra rialzisti e ribassisti”, ha affermato in una nota Mark Hackett, capo della ricerca sugli investimenti di Nationwide. “La ripresa del mercato ha indicato che la mentalità del buy-the-dip rimane”. Finora, settembre è all’altezza della sua reputazione di volatilità e debolezza poiché tutte le medie principali hanno registrato perdite modeste. L’S&P 500 è in calo dell’1,5%, sulla buona strada per registrare il suo primo mese negativo da gennaio. ll Dow è in calo dell’1,6% per il mese, mentre il Nasdaq è in calo dell’1,4%.

“Continuiamo a esercitare cautela nel breve termine, soprattutto quando entriamo nella parte stagionalmente più debole dell’anno (fine settembre – metà ottobre)”, ha dichiarato in una nota Larry Adam, CIO di Raymond James. “Tuttavia, data la continua e robusta crescita economica, il nostro orientamento è mantenere l’esposizione azionaria esistente o aggiungere opportunisticamente alla debolezza”. 

Molti approfondimenti nel video allegato: da Eur/Usd, al T-Note, , Gold, e BitCoin.  

 

 

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: