fbpx


I lavoratori delle piattaforme digitali vanno considerati dipendenti a tutti gli effetti e sono ben 4,1 milioni quelli che potrebbero veder cambiare il loro status con le nuove norme Ue. E’ il contenuto della proposta legislativa che la Commissione Ue discuterà domani e presenterà giovedì a tutela dei rider e dei lavoratori della gig economy.
    Bruxelles prevede una serie di criteri per stabilire se una piattaforma possa essere equiparata a un datore di lavoro. Tra questi, la definizione del livello di retribuzione e dell’orario di lavoro. In caso di controversia, sarà il datore a dover dimostrare che si tratta di lavoro autonomo. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


%d bloggers like this: