fbpx

[ad_1]

(Teleborsa) – “Fastweb considera la protezione dei dati e la tutela della privacy dei propri clienti una priorità e a tal fine ha cooperato con il Garante nel corso dell’istruttoria per individuare gli strumenti più idonei a garantire che i fenomeni descritti e relativi al periodo dal dicembre 2018 al febbraio 2020 non possano più verificarsi”. È la risposta della società di telecomunicazioni alla sanzione di 4,5 milioni di euro arrivata oggi dal Garante della Privacy.

“Come riconosciuto dal Garante, l’azienda ha avviato immediatamente, a partire da febbraio 2020, un programma di azioni mirato in tal senso, attraverso la progressiva dismissione delle attività di telemarketing che non presentano requisiti di affidabilità, il rafforzamento delle misure di sicurezza per l’accesso ai database aziendali e l’adozione di misure di controllo più stringenti sulla rete di vendita”, sottolinea Fastweb in una nota.



[ad_2]

Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: