fbpx



Il ministro del Lavoro Orlando ipotizza un inasprimento delle sanzioni per le aziende che “fuggono” dall’Italia licenziando per spostare la produzione altrove. L’annuncio in un’intervista a “La Stampa” che prende lo spunto dai recenti casi Whirlpool, Gkn, Gianetti.
Per Orlando le soluzioni vanno cercate sia a livello nazionale che europeo: “E’ importante limitare con un salario minimo il dumping salariale che alcuni paesi dell’Ue applicano”. In secondo luogo utilizzare i fondi del Recovery plan. Sblocco licenziamenti? “Difficile tornare indietro ora”.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: