fbpx



© Reuters. Natixis vede un 2022 difficile per i mercati obbligazionari

Jack Janasiewicz e Garrett Melson di Natixis Investment Managers Solutions, prevedono un ciclo di default degli emittenti ancora lontano ma sottolineano l’assenza di cuscinetti in molti sub-segmenti del credito

I mercati obbligazionari ancora una volta non saranno i più facili da navigare per gli investitori l’anno prossimo, anche per le prospettive generali e poco stimolanti del 2022 che avranno il loro peso. Bisogna prepararsi a vedere volatilità degli , con l’incertezza della politica monetaria che li accompagna, insieme ad un modesto movimento verso l’alto dei tassi di interesse. Lo evidenzia un commento a cura di Jack Janasiewicz e Garrett Melson, di Natixis Investment Managers Solutions, secondo cui per capire come i mercati obbligazionari si comporteranno nel 2022 è utile prendere in considerazione alcuni elementi su base storica.

CICLO DI DEFAULT ANCORA LONTANO

La prima osservazione riguarda i cicli di default degli emittenti di debito, che tendono a modificarsi dopo circa 4 o 5 anni dall’iniziale aumento dei tassi da parte della Fed nell’ambito di una fase di politica restrittiva. I default accelerano circa 1 o 2 anni dopo il picco raggiunto dai tassi dei Fed Funds, e questo evidenzia come il ciclo di default sia ancora lontano in questo momento. I due esperti di Natixis IM ricordano inoltre che i primi default di solito si verificano in ritardo rispetto all’iniziale irrigidimento delle condizioni finanziarie, citando i dati del Senior Loan Officer Survey del, che riflettono le condizioni finanziarie attuali, indicando che i segnali di inasprimento sui prestiti concessi dalle banche commerciali non sono per adesso imminenti, scongiurando così di fatto il pericolo di bandiera rossa…

Continua la lettura

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.



Source link

REGISTRATI ORA