fbpx



MILANO – Ore 11:00. Partenza di settimana volatile per i mercati azionari, dopo che la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde si è rivolta agli investitori in un’intervista a Bloomberg Tv per dire che le nuove linee guida sugli stimoli monetari saranno adottate entro 10 giorni, quindi nella prossima riunione della Bce fissata per il 22 luglio e ha segnalato che l’anno prossimo potrebbero essere introdotte nuove misure di supporto alla ripresa economica, dopo che verrà a conclusione (nel marzo 2022) il programma straordinario d’acquisto di titoli. In particolare, come annunciato nei giorni scorsi, cambieranno le linee guida sulle modalità per stabilire i target di inflazione che saranno più flessibili e “simmetrici” intorno al 2%.

A Milano il Ftse Mib è piatto dopo un avvio positivo. Sul paniere principale di Borsa Italiana corre Amplifon dopo un’acquisizione in Australia; generalmente deboli le banche e la manifattura dove però sale Prysmian dopo il rialzo del prezzo obiettivo da parte di Stifel. Deboli le altre: Francoforte è piatta, Parigi perde lo 0,3% e Londra lo 0,4%.

Sul versante monetario l’euro sul dollaro è poco mosso a 1,1871. Invariato anche lo spread tra Btp e Bund a 104 punti con il rendimento del decennale italiano allo 0,75%.

Le Borse cinesi chiudono la seduta in territorio positivo: l’indice Composite di Shanghai sale dello 0,67%, a 3.547,84 punti, mentre quello di Shenzhen guadagna l’1,98%, a quota 2.485,15. Rally per Tokyo che segna un balzo del 2,2%.

I prezzi del petrolio, che avevano chiuso la settimana in calo, confermano l’intonazione negativa. Sui mercati asiatici il Light crude Wti arretra dello 0,75% a 74 dollari e quelli sul Brent dello 0,78% a 74,98 dollari. Pesa lo stallo all’Opec+ che avrebbe conseguenze anche peggiori, unito ai timori per la variante Covid, se le scorte settimanali di petrolio negli Usa non avessero segnato una diminuzione superiore alle stime degli analisti.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: