fbpx


La Cina alza la voce, ma non può sfidare i mercati: ecco perché

Xi si sente minacciato dalla nuova linea Biden-Ue ma dimentica che la prosperità costruita negli ultimi 20 anni la deve soprattutto a mercati e investitori, alla cui fiducia è appeso il futuro di superpotenza economica

Nel celebrare i 100 anni del Partito Comunista cinese il presidente Xi Jinping, abbigliato per l’occasione alla Mao, ha giustamente rivendicato l’uscita dalla povertà di centinaia di milioni di persone e la costruzione di una società “moderatamente prospera’” Ma ha anche pensato bene di avvertire il resto del mondo di non provare a “bullizzare” il grande paese perché rischia di sbattere la testa contro un muro d’acciaio forgiato da 1,4 miliardi di cinesi. Si è dimenticato però di ringraziare chi ha reso possibile il miracolo, vale a dire il mercato globale. Prima il mercato dei beni di consumo, che con le esportazioni ha gonfiato all’inverosimile l’avanzo di Pechino con il resto del mondo. E Poi i mercati finanziari, che hanno contribuito in modo decisivo all’afflusso di capitali che ha fatto crescere grandi imprese in tutti i campi, a cominciare dalla tecnologia, fino a metterle in grado di sfidare i colossi americani. Prima dell’ingresso nella WTO a dicembre 2001, l’economia cinese valeva poco più di 1.000 miliardi di dollari l’anno, per la precisione 1.211 miliardi nell’anno 2000, per più che decuplicare in meno di 20 anni a quasi 15.000 miliardi e arrivare a fare quasi il 13% del PIL globale.

AMERICA AVVANTAGGIATA DAL BOOM CINESE

Ad avvantaggiarsi della straordinaria crescita cinese sono stati più di tutti gli americani, che hanno aperto un mercato di sbocco enorme e trovato in Cina una sterminata fabbrica low cost per produrre le componenti dei prodotti high tech con cui inondano il mondo. Come Apple (NASDAQ:), che dà lavoro direttamente a 150.000 persone, ma ne impiega in Cina un altro quarto di milione, soprattutto nella linea produttiva dell’iPhone. E ora si sta passando dall’industria alla finanza, con le grandi case d’investimento del mondo sviluppato, soprattutto anche qui americane, che sbarcano in Cina per offrire prodotti e servizi di gestione del risparmio al popolo sempre più sterminato della nuova classe media. Il grande sconfitto dell’esplosione economica cinese sembra invece, in una prospettiva storica, soprattutto il Giappone, che si è visto rubare il posto di superpotenza economica asiatica, pagandone il prezzo in termini di crescita del PIL. Il grafico qui sotto visualizza bene il parallelismo tra crescita di USA e Cina e l’impatto sul Sol Levante…

Continua la lettura

** Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA