fbpx


Il confronto tra Ita e i sindacati si riapre. Lo hanno detto i sindacati al termine dell’incontro con la viceministra Laura Castelli al Mef. “Ita ha comunicato e comunicherà che riprenderà il confronto”, ha detto il segretario nazionale della Uiltrasporti , Ivan Viglietti all’uscita dal ministero. 

“Ho sentito poco fa il Ministro Orlando sul tema delle politiche attive e degli ammortizzatori sociali per i dipendenti Alitalia. Su questo, la prossima settimana, attiveremo un tavolo presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Lato Mef, abbiamo ricevuto rassicurazioni dalla società ITA sul fatto che, nei prossimi giorni, convocherà nuovamente i sindacati, sulla base dei testi distribuiti, per proseguire le interlocuzioni relative all’assunzione del nuovo personale”. Lo afferma il Viceministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, al termine dell’incontro con le rappresentanze sindacali del comparto aereo.

L’Italia si è impegnata a non utilizzare più di 1,35 miliardi di euro da iniettare nel capitale di Ita per i prossimi tre anni, di cui 700 milioni quest’anno. Questa cifra è il tetto massimo notificato a Bruxelles ed è ritenuta conforme al mercato da parte della Commissione europea. Lo si apprende da ambienti vicini al dossier. Nel decreto Rilancio il governo Conte aveva previsto aumenti di capitale per la newco per 3 miliardi euro ma, spiegano le stesse fonti, se l’Italia dovesse decidere di procedere con altre iniezioni – anche dopo il 2023 – servirà una nuova valutazione da parte di Bruxelles.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


%d bloggers like this: