fbpx


Caduta libera. Come un tappo di sughero stappato e pronto a cadere… è la parte del titolo utilizzato in un mio articolo scritto di recente. E’ la sensazione palpabile di quello che si percepiva dinanzi ai continui record degli indici delle principali piazze finanziarie mondiali. Italia compresa.

In fondo è la fotografia plastica che emerge osservando i grafici. Il tappo è saltato, partendo dalla Cina, andando a schiantarsi contro il solido muro che i mercati hanno costruito da più di un anno a questa parte.

Il maggiore Paese asiatico, legato, per certi aspetti, ad antichi dettami e rigidità storiche, seppur proiettato verso una economia globale che ne ha accolto le differenze. Un territorio che ha cercato, soprattutto sotto la guida di Xi Jinping, di aprirsi ad una visione internazionale, con tutte le difficoltà che si intrecciano ad una mentalità consolidatasi anche dal pensiero di Deng Xiaoping, uno dei primi a sperimentare la riscoperta di una economia privata, affiancata ad una economia di mercato, mantenendo salde una serie di limitazioni vicine al motto ed all’idea di tenere sempre un profilo basso e di non avere fretta. In fondo, abbiamo assistito in questi decenni ad una vera rivoluzione. Cambiamenti corroborati da alcuni latenti limiti.

Ho voluto riprendere alcune righe del mio articolo sulla Cina per sottolineare determinati aspetti di una economia che si è certamente globalizzata, ma allo stesso tempo messa in crisi da quel battito d’ali che ha scatenato un uragano in tutto il mondo. Ancora una volta in rosso, con un altro Gap down importante, dopo i tentativi di rialzare il capo, lo Shanghai Composite segna un meno 3,71%.

In poche settimane gli scenari sono repentinamente, anzi direi drasticamente cambiati. “Siamo vicini ad un grande accordo con la Cina. Lo vogliono loro ed anche noi” è solo una delle numerose dichiarazioni di Donald Trump che hanno contribuito, supportati anche da dati macro positivi, a far esplodere in positivo i listini. Tante le esternazioni di ottimismo, alimentate da market mover davvero generosi. Una brillante capacità comunicativa, penso all’intervento a Davos o quello dinanzi al Congresso in occasione dell’incontro sullo Stato dell’Unione, da far impallidire l’agire strategico magistralmente indicatoci dalla teoria di Jurgen Habermas.

I cambiamenti fulminei, legati alle situazione ed al panico internazionale, hanno generato un netto cambiamento di umore del Presidente degli Stati Uniti. Proprio in queste ore mostratosi furioso, nonostante il vano tentativo del direttore del Consiglio economico nazionale, Larry Kudlow, il quale ha cercato di alleggerire le prime negatività subite a Wall Street mettendola sulla opportunità di acquisto dai ribassi, soprattutto per gli investitori di lungo periodo. Tentativo che si è mostrato assolutamente vano poiché gli indici hanno continuato a sprofondare.

L’iniziale pattern Engulfing Bullish che si è formato ieri di prima mattina sul grafico orario ha fatto presagire una immissione di benzina sulla possibilità di un cambio di tendenza e di una ripresa dai 3060,20 punti che hanno superato i minimi di inizio dicembre. La stessa benzina non è stata assolutamente sufficiente perché si è accesa la preoccupante spia rossa che ha dato il via a delle forti vendite, spingendosi fino all’area dei 2883,23 punti che rappresentano i minimi di ottobre 2019, calamitando in tal modo in una forte discesa le Three Black Crows già formatesi sul grafico giornaliero, avvicinando la variazione dell’indice al 5,98% da un anno a questa parte. Continuano le vendite dettate, senza dubbio, anche dalla emotività e dagli algoritmi all’interno delle macchine… probabilmente dall’avvicendarsi della fine di un ciclo e dalla paura di una recessione globale.

Grafico S&P 500

I contraccolpi si sono verificati anche su alcune materie prime che ho attenzionato nei giorni precedenti.

“Il prezzo del è ripiombato a 51,28 dollari al barile, proiettandosi nuovamente verso il supporto a 49,52 dollari ben evidenziato da tempo. Solo una rottura del suddetto livello innescherebbe l’avvio di ennesimi ribassi e spingerebbe il prezzo intorno ai 45,59 dollari vicino al vecchio supporto del 2017”

Questo nel mio ultimo approfondimento “La lente su alcune materie prime”

Il supporto è stato rotto con forza.

Grafico Crude Oil

Per quanto riguarda il focus sul , il breve canale laterale e di indecisione, evidente sul grafico daily, preceduto dal lungo trend long terminato nei primi quindici giorni del nuovo anno, quando è iniziata la discesa dai 2.885 fino all’avvicinarsi in maniera forte e decisa al minimo del 2016 in area 2.454, inizia a cedere verso nuovi ribassi con la stessa candela odierna che effettua un doppio minimo con la medesima del giorno 4 febbraio. Da monitorare, come sempre, il supporto individuato a 2.454 che se rotto può dare il via ad ulteriori ribassi fino a 2.202 che indica un ulteriore minimo testato nel sempre nel 2016 nel mese di novembre.

Grafico Copper

Sul la discesa, dovuta soprattutto ad una domanda molto bassa, iniziata sostanzialmente con la Upper Shadow degli inizi di novembre dello scorso anno, portando il prezzo dai 2.908 dollari per un milione di British Thermal Unit fino agli attuali 1.648 dollari, andando a solleticare i minimi del 2016 che, anche in questo caso, se bucati possono generare ulteriori vendite.

Grafico Natural Gas

Sul fronte europeo invece, mentre Jens Weidmann, il Presidente della Bundesbank, afferma che al momento non c’è necessità di prendere misure di politica monetaria, risultano interessanti i nuovi colpi di sciabola tra Regno Unito ed Unione Europea. Più precisamente tra Boris Johnson ed il capo negoziatore UE sulla Brexit, Michel Barnier, che in taluni momenti ricordano la durezza della contrapposizione tra Enrico VIII e Papa Clemente VII negli anni in cui non accetta la richiesta di annullare il matrimonio del re con Caterina d’Aragona, a causa del mancato arrivo di un erede maschio.

Alla fine dei suddetti irrigidimenti, Enrico VIII sposa Anna Bolena, figlia di un diplomatico inglese, fino ad arrivare all’emanazione dell’Act of Supremacy che stabilisce definitivamente lo scisma con la Chiesa di Roma. Cosa accadrà all’interno di questo periodo di transizione? Certamente non ci annoieremo, ne vedremo delle belle.

La è in fase laterale rispetto al dollaro a partire dalla prima metà di ottobre, quando da 1,2752 ha raggiunto il picco più elevato con la Upper Shadow e la relativa chiusura al di sotto del massimo di giornata, con il prolungamento dell’ombra ad 1,3514 raffigurante la stretta conseguenza dell’esito elettorale del 12 dicembre che ha cementificato la vittoria dei conservatori e di Boris Johnson. Il Cable continua a muoversi all’interno del canale configuratosi ad ottobre, con una resistenza individuata in area 1,3281 ed il supporto ad 1,2752 rispetto al dollaro.

Grafico GBP/USD





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: