fbpx


Buongiorno ai Lettori di Investing.com.

Nella giornata di mercoledì, benché il abbia battuto nuovi massimi storici, abbiamo avuto una giornata poco movimentata. Durante la sessione notturna i listini asiatici si sono allontanati dai massimi delle ultime 5 settimane e tale movimento è imputabile – molto probabilmente – a dati statunitensi contrastanti. L’intepretazione dei dati macro economici, ormai è cosa nota, è volubile: talvolta vengono accolti con favore dati deboli in quanto suggeriscono che la politica monetaria espansiva delle Banche Centrali è destinata a proseguire (ciò che sta accadendo nell’ultimo anno e mezzo per intenderci). Talvolta è necessario osservare la situazione con gli occhi di un’economista, ovvero dati deboli sono negativi e ieri è successo questo.

Il rapporto ADP ha sorpreso in negativo, mostrandoci come il settore privato USA abbia creato solo 374K posti di lavoro ad agosto contro i 640K previsti. Secondo questa metrica, sarà necessario assumere altri 6 milioni di persone per tornare ai massimi di febbraio 2020. Tradotto in parole povere, ci vorrebbero altri 12 mesi al tasso medio di crescita registrato dall’inizio dell’anno (+480K mensili).

L’indice ISM manifatturiero è passato da 59,5 a 59,9, leggermente superiore alle attese. Ma all’interno dell’indice, la componente occupazionale è scesa al di sotto della linea di galleggiamento ovvero a 49, riflettendo la contrazione settoriale. Dati che potrebbero portare la FEDE a temporeggiare ancora un po’ prima di passare al tapering.

Anche le vendite di auto negli Stati Uniti sono scese a un tasso annuo di 13,1 milioni ad agosto rispetto ai 14,8 milioni di un mese prima. La causa principale è la mancanza di alcuni modelli a seguito della carenza nella fornitura di chip, che sta facendo salire il prezzo medio delle auto nuove del 16%. Inevitabilmente il prezzo più alto sta, come da manuale, riducendo la domanda.

Oggi varrà la pena tenere d’occhio i dati settimanali sulle richieste di sussidio di disoccupazione. I mercati sono in attesa di un graduale miglioramento delle cifre, una continuazione delle richieste di disoccupazione ai ritmi attuali o peggio ancora un aumento potrebbe aumentare i timori tra gli operatori di mercato, portando in tal modo a una vendita di dollari. Se ci saranno progressi sostanziali come accaduto un mese fa, probabilmente tornerà l’ottimismo anche in vista del rapporto sull’occupazione di domani.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: