fbpx


© Reuters.

LONDRA (Reuters) – Il dollaro australiano sale e lo yen scivola al minimo di circa tre mesi mentre si affievoliscono i timori per le ricadute della vicenda Evergrande.

A sostenere la divisa australiana e la corona norvegese anche il rialzo dei prezzi delle materie prime, mentre lo yen è sotto pressione con l’aumento dei tassi Usa che attraggono gli investitori giapponesi.

L’euro scambia poco mosso a 1,1720 sul dollaro, ignorando gli sviluppi del voto tedesco dove i Socialdemocratici hanno battuto di misura, secondo i dati provvisori, il blocco dei Conservatori della Cdu/Csu.

L’indice sul dollaro scambia a metà del range della scorsa settimana, poco oltre la soglia di 93,40.

“Il forex ricalca il sentiment più tonico che si vede anche sugli altri mercati: i listini che interrompono un calo durato due settimane e i rendimenti che salgono abbastanza bruscamente”, racconta Michael Brown, senior market analyst di Caxton FX.

I tassi dei titoli Usa sono saliti al massimo da inizio luglio prendendo le misure con il futuro iter della politica monetaria Usa dove la Fed a novembre annuncerà il ‘tapering’.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA