fbpx


Mille ne fa, mille ne pensa. Elon Musk, il vulcanico e spesso sorprendente Ceo di Tesla, è noto per le sue bizzarrie, e anche per le sue esternazioni sui social. Il suo preferito è Twitter, dove comunica con i suoi 65,8 milioni di follower.
L’ultima è di poche ore fa: «Sto pensando di lasciare i miei incarichi e di diventare un influencer a tempo pieno. Che ne pensate?»

Ovviamente il twit, che conoscendo Musk probabilmente non va preso troppo sul serio (ma mai dire mai, con il cofondatore di PayPal…) è diventato un tormentone sulla piattaforma di microblogging: alle 8.25 di venerdì aveva totalizzato 13.674 retweet, 3.922 tweet di citazione e 171.626 “Mi piace”.

Musk, che è anche il fondatore e Ceo della società aerospaziale SpaceX, guida la startup Neuralink e la società di infrastrutture The Boring Company, è un uomo dalle mille contraddizioni. Per esempio, aveva dichiarato durante una teleconferenza lo scorso gennaio che si aspetta di restare il Ceo di Tesla per «diversi anni». Ma aveva anche esternato: «Sarebbe bello avere un po’ più di tempo libero a disposizione invece di lavorare giorno e notte, da quando mi sveglio a quando vado a dormire 7 giorni a settimana. Piuttosto pesante».

Le sue uscite su Twitter a volte hanno fatto passare di mano parecchio denaro. Per esempio il mese scorso aveva chiesto ai suoi follower se avrebbe dovuto vendere il 10% della sua partecipazione in Tesla. La maggioranza ha detto di sì, e nel frattempo il titolo del produttore di auto elettriche ha avuto parecchi scossoni in Borsa. Da allora Musk ha venduto azioni per un valore di quasi 12 miliardi di dollari, e sono 5 settimane consecutive che continua a farlo: una comunicazione dello scorso giovedì ha precisato che Musk ha venduto ancora altre 934.091 azioni, per un valore di circa 963 milioni di dollari, per pagare le tasse.

A questo punto, per raggiungere la soglia del 10% annunciata su Twitter – 17 milioni di azioni in totale – dovrebbe liberarsi di altri 6 milioni di azioni. Le conseguenze sul titolo Tesla si sono fatte sentire, e parecchio: le azioni della società di auto elettriche sono scese del 18% dal picco del 4 novembre scorso.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: