fbpx


Volatilità ai massimi del periodo, valutazioni a sconto.  E’ il momento migliore per comprare azioni?

Crolli di Borsa quasi quotidiani, a volte recuperi repentini che vengono vanificati, a volte che vengono mantenuti. Dichiarazioni che lasciano il tempo che trovano, magari in leggerezza, come quella del presidente Trump sul blocco dei voli verso l’Europa. Sembrava che avesse detto di bloccare anche quelli commerciali. O le improvvide dichiarazioni della Lagarde ieri, quando ha detto che la BCE non esiste per porre un freno all’allargamento degli spread, con conseguente panico globale vista la debolezza dell’Italia.

Come siamo messi?

Quanto descritto sopra, accoppiato all’elevata volatilità che è prepotentemente tornata sulle Borse (l’”indice della paura”, come viene chiamato dagli shortisti, è tornato al livello della crisi di Lehman Brothers, nell’ottobre 2008) ovvia conseguenza di notizie che si rincorrono e che, purtroppo, sono quasi sempre negative, può far tornare l’appetito per le azioni, moltissime delle quali sono indubbiamente a sconto.

Ma quanto a buon prezzo?

Secondo i dati di Morningstar, il fair value delle azioni mondiali, misurati sull’indice MASCI World, è a sconto dell’8%. L’impatto prodotto dalle recenti vendite sulle valutazioni è stato parecchio significativo. A inizio anno, per dare un’idea, lo stesso indicatore era dato in eccesso del 7%. Il che porta la perdita globale complessiva, ad oggi, ad un robusto -15%.

Cosa fare? E’ il momento migliore per comprare azioni?

Questi grossi, enormi movimenti in uscita dal mercato azionario delle ultime due settimane hanno creato grosse opportunità per quegli investitori in grado di sopportare la recente volatilità, e che siano al contempo in grado di guardare ai fondamentali delle aziende in ottica di lungo periodo (almeno fra 36 e 60 mesi), l’unica che un vero investitore deve avere. Sempre Morningstar, infatti, offre un’altra interessante statistica: la quantità di azioni a 3, 4 e 5 stelle del loro quantitative rating (ossia quello che valuta la bontà delle aziende in paragone ai prezzi attuali) è pari ad oltre l’80%, per la precisione l’81,94%.

Sembra proprio che nei mercati mondiali, adesso, ci sia una forte sottovalutazione, e quindi una reale possibilità di fare ottimi affari. Ma attenzione! Questa chance, reale e presente, lo è in un momento in cui il VIX, l’indice che misura la volatilità, è su livelli elevatissimi.

Chiunque compri adesso, lo sappia: lo fa a proprio rischio e pericolo, almeno nel breve termine. E sale a bordo di quello che può ben essere definito un ottovolante sul quale, come dicono gli americani, bisogna agganciarsi le cinture di sicurezza perché “…you’re going to get a hell of a ride!”



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: