fbpx


Trimestrali Usa

La pandemia costa 1,4 miliardi solo tra gennaio e marzo. Danneggiati parchi e Studios. Basta dividendo. E il peggio deve arrivare

di Marco Valsania

default onloading pic
Epa

3′ di lettura

Disney , il leader mondiale dello spetaccolo e dell’intrattenimento, paga cara la crisi da coronavirus nei primi tre mesi dell’anno, il suo secondo trimestre fiscale. Gli utili netti tra gennaio e marzo si sono fermati a 460 milioni, crollati di oltre il 90 per cento. Escluse voci e oneri straordinari, la delusione è stata meno cocente ma non di molto. Ha riportato utili pari a 60 centesimi per azione contro gli 89 previsti dagli analisti. I profitti operativi, senza quindi una tantum, sono comunque caduti del 37 per cento.

Il giro d’affari trimestrale è stato di 18,01 miliardi, salito del 21%, leggermente sopra i pronostici ma men che brillante. Il costo iniziale del Covid-19, che da metà marzo ha paralizzato l’economia, per i conti dell’azienda in tutti i suoi business è stato stimato in 1,4 miliardi di dollari.
Le attese, sia di utili che di fatturato, erano oltretutto già state ridimensionate. A gennaio erano ancora di profitti pari a 1,40 dollari e entrate per 19,51 miliardi.

L’Iger show
“Abbiamo fiducia di poter superare questo trauma e di poter e uscire in posizione più forte”, ha sostenuto il neo chief executive Bob Chapek, che prima della promozione a successore di Bob Iger era alla guida di uno dei business più redditizi e ora colpiti dalle chiusure, i grandi parchi tematici. Ma è stato Iger ha tenere banco, commentando i risultati con piglio da statista dalla visione lunga: “Ho visto molte crisi, ma Disney è sempre stata resiliente”. Ce la faraà anche questa volta, ha aggiunto. Ancora: “La gente ha bisogno di buone notizie”.

Stop al dividendo
Una buona notizia è sicuramente che uno dei grandi parchi, a Shanghai in Cina, riaprirà con pubblico ridotto al 30% del normale dall’11 maggio. In attesa di piu’ generali buone notizie per i consumatori che per ora tardano, però, gli azionisti dovranno intanto ingoiarne alcune meno buone: verrà cancellato il dividendo della prima meta’ dell’anno, pari a un risparmio di 1,6 miliardi. Una mossa non da poco per un gruppo che della cedola fa un dovere da decenni, per essere tra i titoli più diffusi nei portafogli.
Segno delle sfide davanti all’azienda, da inizio anno il titolo è sceso del 30%, quasi il doppio dell’indice Dow Jones. Tanto che Disney è impegnata in un duello testa a testa per la market cap di Borsa con Netflix, rivale e grande leader nello streaming.

Disney+ ha 54,5 milioni di abbonati
Disney ha lanciato l’anno scorso Disney+ nello streaming e ha raccolto 54,5 milioni di abbonati paganti al 4 maggio, più delle attese anche se saliti solo di circa 4 milioni nell’ultimo mese dopo un’impennata iniziale. Un secondo servizio streaming che ha rilevato del tutto, Hulu, vanta 32,1 milioni di utenti, anche se la somma resta lontana dai 183 milioni di Netflix.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: