fbpx



La pandemia ha ridotto in povertà oltre 100 milioni di lavoratori nel mondo e ci vorranno anni, fino al 2023, per recuperare i posti di lavoro persi.
E’ l’allarme lanciato dall’Onu. “Cinque anni di progressi verso l’eliminazione dell’impoverimento del lavoro sono stati annullati” per la diminuzione delle ore e la scomparsa di impieghi di qualità”. E un rapporto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro spiega infatti che rispetto al 2019, oltre 108milioni di lavoratori in più in tutto il mondo sono stati classificati come poveri o estremamente poveri.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: