fbpx


(ANSA) – ROMA, 2 MAG – Un crollo dei consumi per il 2020 pari
a quasi 84 miliardi di euro (-8% rispetto al 2019): è la stima
aggiornate dell’Ufficio studi di Confcommercio sugli effetti del
lockdown a causa del coronavirus, secondo una valutazione
prudenziale e basata su una ipotesi di progressiva e graduale
riapertura delle attività economiche, considerando la data del
primo ottobre per il ritorno ad una fase di totale normalità.
Oltre tre quarti della perdita dei consumi, prosegue, sono
concentrati in pochi settori: vestiario e calzature, automobili
e moto, servizi ricreativi e culturali, alberghi, bar e
ristoranti. Questi ultimi due sono i comparti che registrano le
cadute più pesanti: -48,5% per i servizi di alloggio e -33,3%
per bar e ristoranti. Le cadute, rimarca Confcommercio,
potrebbero risultare a consuntivo “decisamente più gravi” se il
ritorno alla “nuova” normalità sarà particolarmente lento. “Con
un crollo della domanda così pesante – sottolinea – la
sopravvivenza di questi comparti è messa a serio rischio”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


%d bloggers like this: