fbpx


  1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 


FACEBOOK
TWITTER
LINKEDIN

Le aziende cinesi sempre meno attraenti per gli investitori occidentali a causa della politica e dell’incertezza che aleggia in merito al secondo mercato più grande del mondo. I rappresentanti di Man Group, Soros Fund Management e Elliott Management hanno espresso preoccupazione per le prospettive dei titoli cinesi scambiati a New York e in Asia. I loro commenti sono arrivati poche settimane dopo che la società di investimento da 59 miliardi di dollari Marshall Wace ha detto che alcune di queste attività sono diventate “non investibili”.

“Non stiamo mettendo soldi in Cina in questo momento”, ha confermato Dawn Fitzpatrick, CEO e responsabile degli investimenti di Soros Fund Management, alla conferenza virtuale Bloomberg Invest.

Fitzpatrick ha previsto che molte aziende quotate negli Stati Uniti si trasferiranno presto a Hong Kong. Anche se non ha nominato alcuna azienda, Alibaba, JD.com e Didi tra alcune delle più grandi aziende cinesi scambiate a New York, che tra l’altro sono state sotto pressione per la maggior parte dell’anno, dopo che la Cina ha avviato un giro di vite sulle aziende tecnologiche. Alibaba e JD.com sono scesi almeno del 33% da metà febbraio, mentre Didi è crollata del 47% dal suo debutto sul mercato a fine giugno.

Gli avvertimenti degli investitori seguono le vaste indagini anti-monopolio di Pechino contro le Big Tech, Gli investitori ora temono per ciò che verrà dopo.

Se si investe nei mercati, è impossibile non avere una visione della Cina”, ha detto alla conferenza Bloomberg l’amministratore delegato di Man Group Plc Luke Ellis, che gestisce la più grande società di hedge fund quotata in borsa del mondo. Ha aggiunto che il paese sembra meno attraente rispetto a un anno fa, tra il giro di vite sui settori della tecnologia e dell’istruzione. Ellis ha anche raccomandato agli investitori di essere più agili, dato che tenere investimenti con un orizzonte di 10 anni non ha senso in un mondo in cui si prevedono interventi e cambiamenti politici significativi.

“Quello che la Cina sta facendo è abbastanza esplicito, ma non è molto diverso da quello che vediamo in molti mercati occidentali”, ha detto. Eppure, alcuni top money manager vedono un potenziale a lungo termine. “La Cina continuerà a crescere più velocemente dei mercati sviluppati”, ha detto Jon Gray, direttore operativo di Blackstone. “Hanno una cultura molto imprenditoriale, hanno un governo che vuole la crescita economica per migliorare la qualità della vita, e penso che questo significa, in generale, che la Cina dovrebbe fare bene”.

Jonathan Pollock, co-CEO di Elliott Investment Management ha anche suggerito che ci sarebbero opportunità, anche se ha aggiunto che pensare a “grandi distribuzioni” è difficile.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: