fbpx


Le Borse europee sono caute dopo un inizio di settimana di forte recupero in cui i timori per la variante Omicron sono passati in secondo piano e con la Cina che si è mostrata pronta a intervenire per mitigare le ricadute di un’eventuale crisi immobiliare. Quest’ultimo fattore ha sostenuto anche le piazze asiatiche. I listini europei sono vicini alla parità e ilFTSE MIBdi Piazza Affari conserva quota 27mila punti.

A frenare gli entusiasmi degli investitori sono le notizie contrastanti sull’evoluzione della pandemia: il consigliere della Casa Bianca per l’emergenza sanitaria Anthony Fauci ha detto che “non c’e’ motivo di dubitare” che i vaccini esistenti proteggano anche da Omicron, mentre il Ceo di Pfizer, Albert Bourla, ha detto che anche se la nuova variante appare meno contagiosa delle precedenti, si diffonde piu’ velocemente e questo potrebbe portare a nuove mutazioni in futuro.

A Milano bene Tim, piatta Unicredit alla vigilia del piano

A Piazza Affari focus su Tim che ha riorganizzato la squadra manageriale con Stefano Siragusa, deputy del direttore generale: il 17 dicembre nuovo cda sulla proposta del fondo KKR. Il management inoltre sta rivedendo il contratto con Dazn sulla serie A e chiederà un abbassamento consistente dei minimi garantiti. Piatta Unicredit alla vigilia del nuovo piano industriale che sarà presentato dal ceo Andrea Orcel, il quale ha escluso un ritorno d’attualità del dossier Monte dei Paschi. Nel frattempo Capital Research and Management Company è salita al 6,287% detenuto in “gestione discrezionale del risparmio”. In calo Stellantis che nel “Software Day” ha annunciato il programma di investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 per effettuare la sua trasformazione nell’ambito del software e dell’elettrificazione.

Deboli i petroliferi (Tenaris, Saipem, Eni) con i prezzi del greggio in discesa: secondo il rapporto settimanale dell’American Petroleum Institute le scorte Usa di greggio sono scese di 3,1 milioni di barili la scorsa settimana, in aumento di 3,7 milioni di barili quelle di benzina. In giornata i dati ufficiali del Dipartimento dell’Energia Usa.

Borsa Tokyo prosegue recupero e chiude a +1,4%

Chiusura in rialzo per la Borsa di Tokyo che ha consolidato i guadagni della seduta precedente sfruttando le informazioni rassicuranti sulla variante Omicron. L’indice Nikkei ha chiuso con un rialzo dell’1,42% a 28.860,62 punti, dopo il progresso dell’1,9% registrato martedì. Il più ampio indice Topix ha guadagnato lo 0,62% a 2.002,24 punti, superando la soglia simbolica di 2.000 punti per la prima volta dal 25 novembre. E’ “quasi certo” che la variante di Omicron non sia più grave delle altre varianti ha dichiarato all’Afp il consigliere della Casa Bianca per l’emergenza sanitaria Anthony Fauci. E “non c’e’ motivo di dubitare” che i vaccini esistenti proteggano anche da forme gravi di Covid-19 dovute alla variante Omicron”, ha aggiunto Michael Ryan, alto funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanita’.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: