fbpx



(Il Sole 24 Ore Radiocor) – I mercati sembrano archiviare la tensione innescata nelle ultime due settimane dalla comparsa della variante Omicron. Dopo la battuta d’arresto della vigilia, le Borse europee si muovono in territorio positivo e si concentrano sui dati macroeconomici. Oltre al dato sulle nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione negli Usa, gli occhi sono puntati sull’inflazione americana di novembre, che arriverà venerdì 10 dicembre. Gli investitori si aspettano un rialzo al 6,7% rispetto al 6,2% di ottobre.

Da questi dati gli investitori attendono indicazioni per provare ad intercettare eventuali decisioni che la Federal Reserve prenderà il 15 dicembre, quando si concluderà il prossimo consiglio direttivo. Sul tavolo c’è la possibilità di un’accelerazione – da 15 a 30 miliardi al mese – della riduzione degli stimoli monetari, il cosiddetto tapering. Prima verranno azzerati gli stimoli prima la Fed potrà spianarsi la strada per un prossimo rialzo dei tassi.

Intanto, dalla Germania è arrivato il dato sulla bilancia commerciale: il surplus di ottobre è stato di 12,5 miliardi di euro, sotto le attese ma le esportazioni sono ripartite al rialzo, +4,1% in confronto a settembre dopo due mesi di cali. Sempre per quanto riguarda la Germania, si è insediato il nuovo governo guidato dal cancelliere Olaf Scholz.

Sul fronte della pandemia, sono apparse rassicuranti le indicazioni secondo le quali il vaccino di Pfizer e BioNtech contro il coronavirus sarebbe «ancora efficace» dopo «tre dosi» anche contro Omicron. Le due società hanno comunque annunciato di voler preparare un vaccino specifico per la variante, che potrebbe essere pronto per marzo.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

Loading…

Tokyo chiude in calo dopo due sedute di forte rimbalzo

La Borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso, dopo due sedute di forte rimbalzo. Nella piazza finanziaria nipponica è, infatti, tornata la cautela dopo due giornate molto dinamiche e prima della pubblicazione del dato sull’inflazione statunitense per il mese di novembre, previsto per domani. L’indice di punta Nikkei è sceso dello 0,47% a 28.725,47 punti mentre l’indice più ampio Topix ha perso lo 0,57% a 1.990,79 punti. Wall Street ha nuovamente chiuso in rialzo nella seduta di ieri, ma i guadagni sono stati limitati durante la seduta, mentre non è da trascurare il futuro impatto economico della variante di Covid denominata Omicron, anche se questo tipo di coronavirus sarebbe meno pericoloso di quanto inizialmente temuto.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: