fbpx


(Il Sole 24 Ore Radiocor)Borse europee contrastate nella prima seduta della settimana. Gli investitori continuano a monitorare l’andamento dell’inflazione, spinta dal caro energia e attendono una nuova tornata di conti trimestrali per verificare lo stato di salute dell’economia. Il FTSE MIB di Piazza Affari è così in lieve calo e si mantiene a galla grazie al nuovo sprint dei titoli oil. Saipem, Eni e Tenaris approfittano infatti del nuovo rialzo del prezzo del petrolio, con il future novembre sul Wti che aggiorna i massimi dal 2014 sopra quota 81 dollari al barile.

Nelle prossime ore gli operatori valuteranno con attenzione le parole dei membri del consiglio direttivo della Bce per comprendere le future mosse dell’istituto centrale. Tornando ai titoli di Piazza Affari, dopo un’apertura incerta hanno imboccato la strada del rialzo le banche, guidate da Unicredit, mentre si dovrebbe avvicinare l’annuncio del deal
con Banca Mps. Per contro sono in netto ribasso le Enel. Fuori dal paniere principale, vola
Seco dopo l’acquisizione in Germania, mentre Tod’s perde terreno dopo l’annuncio del ribaltone ai vertici.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

Loading…

Euro in lieve rafforzamento, spread stabile a 102 punti

Sul fronte valutario, il cambio euro/dollaro è salito a 1,1580 dollari (venerdì in chiusura a 1,1564). L’euro/yen vale inoltre 130,65 (129,72), mentre il dollaro/yen si attesta a 112,83 (112,71).

Sull’obbligazionario, andamento stabile per lo spread tra BTp e Bund. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco si attesta a 102 punti base, lo stesso livello segnato al closing di venerdì. Sale invece il rendimento del BTp decennale benchmark, che è indicato allo 0,90% dallo 0,88% del riferimento precedente.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: