fbpx


(Teleborsa) – Modesta diminuzione per la Borsa di Milano, mentre tiene sui valori precedenti il resto dell’Europa. Intanto a Wall Street l’S&P-500 segna un aumento dello 0,35% dopo che l’inflazione è salita ai massimi degli ultimi 40 anni, ma in linea con quanto stimato dal mercato.

Sul mercato valutario, poco mosso l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,131. L’Oro mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,62%. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,38%.

Scende lo spread, attestandosi a +130 punti base, con un calo di 4 punti base, mentre il BTP decennale riporta un rendimento dello 0,95%.

Nello scenario borsistico europeo Francoforte è stabile, riportando un moderato -0,1%, sostanzialmente debole Londra, che registra una flessione dello 0,40%, e si muove sotto la parità Parigi, evidenziando un decremento dello 0,24%. Sessione debole per il listino milanese, che termina con un calo dello 0,36% sul FTSE MIB, mentre, al contrario, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,23%, portandosi a 29.388 punti.

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,82 miliardi di euro, con un incremento di ben 698,2 milioni di euro, pari al 32,94%, rispetto ai precedenti 2,12 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,57 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,69 miliardi.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo DiaSorin (+1,12%), Inwit (+0,99%), Unicredit (+0,59%) e Prysmian (+0,52%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Ferrari, che ha archiviato la seduta a -1,55%.

Vendite su Banco BPM, che registra un ribasso dell’1,52%.

Seduta negativa per Nexi, che mostra una perdita dell’1,35%.

Sotto pressione Moncler, che accusa un calo dell’1,14%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Salcef Group (+2,99%), Rai Way (+1,98%), Ferragamo (+1,94%) e Acea (+1,32%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Sanlorenzo, che ha terminato le contrattazioni a -3,37%.

Seduta drammatica per Unieuro, che crolla del 3,28%.

Sensibili perdite per El.En, in calo del 2,48%.

Scivola Banca MPS, con un netto svantaggio del 2,17%.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: