fbpx

[ad_1]

(Teleborsa) – Il consiglio di amministrazione di Air France-KLM potrebbe discutere già lunedì di un nuovo piano di aiuti governativi per il suo ramo francese. La holding franco-olandese deve comunque aspettare gli sviluppi della trattiva tra il governo francese e la Commissione europea, la quale ha delle preoccupazioni per quanto riguarda la concorrenza, secondo quanto riporta Bloomberg.

Sotto il peso della pandemia, il gruppo ha perso 7,1 miliardi di euro nel 2020 e ha già beneficiato di consistenti aiuti pubblici per oltre 10,4 miliardi di euro, di cui 7 miliardi in prestiti diretti o garantiti dallo Stato francese. A inizio settimana il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, aveva detto che la Francia è “vicino alla definizione di un un accordo con la Commissione Europea sul dossier Air France”, descrivendolo come un “accordo equo, che proteggerà Air France e che garantirà i nostri interessi nel rispetto delle leggi sulla concorrenza”.

Francia e Paesi Bassi (che assieme controllano il 28% del gruppo) sono in trattativa da mesi su un nuovo piano di finanziamento per il vettore, il cui debito netto è salito fino a 11 miliardi di euro alla fine del 2020. Secondo Bloomberg, la Francia sta cercando di difendere la compagnia da richieste pro-concorrenza della Commissione, come quelle per la rinuncia agli ambiti diritti di atterraggio negli aeroporti di Parigi-Orly e Amsterdam Schiphol.



[ad_2]

Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: